Misura : 4.1 PSR - Investimenti nelle imprese agricole
Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole

Regione Piemonte

Data di apertura 08-05-2019

Data indicativa di scadenza 15-07-2019 ore 01:59



L’operazione si pone l’obiettivo di sostenere i progetti finalizzati a migliorare il rendimento globale delle aziende agricole, attraverso la realizzazione di investimenti produttivi riguardanti: l’acquisizione, la costruzione, la ristrutturazione, l’ampliamento e la modernizzazione dei fabbricati e dei relativi impianti, la dotazione di attrezzature e macchinari nuovi (entro il limite di € 70 mila, ad eccezione della realizzazione di un investimento collettivo), l’impianto di coltivazioni legnose agrarie.

Possono presentare la domanda di sostegno i soggetti in possesso della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale, che risultino, anche, agricoltori attivi. Parallelamente è richiesto il possesso di partita IVA riferita al settore agricolo, e, fatti salvi i casi di esclusione, l’iscrizione al Registro delle Imprese (nel caso in cui si intenda realizzare un investimento collettivo, per uso condiviso da parte di più aziende agricole, i suddetti requisiti devono essere rispettati da tutti i soggetti interessati).

Nel merito si evidenzia che, essendo stato attivato, da parte della Regione Piemonte, anche un bando a valere sull’Operazione 6.1.1 (Premio per l’Insediamento – apertura: 08/05/2019; scadenza: 15/07/2019), nel caso di presentazione della domanda di sostegno a valere sull’intervento di miglioramento da parte di un giovane agricoltore neo insediato, il requisito di agricoltore attivo dovrà essere acquisito entro il termine di 18 mesi dalla data di ammissione a contributo.

Al verificarsi di tale ipotesi, al giovane è riconosciuto uno specifico punteggio prioritario, a condizione che le due domande non prevedano la realizzazione dei medesimi investimenti.

Il sostegno consiste in un contributo in conto capitale pari al 40% del costo dell’investimento ammissibile; aliquota maggiorata di ulteriori 10 punti percentuali, in caso di investimenti realizzati in zona montana.

In tal senso l’importo massimo riguardante il sostegno erogabile a ciascuna impresa beneficiaria, è pari a 5 volte la Produzione Standard dell’azienda medesima (con un massimo di € 150 mila se l’investimento è realizzato in zona svantaggiata ed € 130 mila nelle altre zone).

Il limite minimo di spesa ammissibile, invece, è pari a € 25 mila, ridotto a € 15 mila per le aree di montagna.

Allo stato attuale, la dotazione finanziaria del bando si attesta in € 5 milioni.

 



Per informazioni recati all’Ufficio zona Coldiretti.