L'Organizzazione Comune dei Mercati (OCM Unica) costituisce, insieme ai Pagamenti Diretti, il Primo Pilastro della PAC. Gli interventi di mercato sono racchiusi nel Reg. 1308/2013,  che ha sostituito il precedente Reg. 1234/2007. Il regolamento contiene tutte le norme riguardanti il mercato interno, l’intervento pubblico, l’ammasso privato, i regimi di aiuto relativi ad alcuni settori, le norme di commercializzazione, le organizzazioni dei produttori, gli scambi con i Paesi terzi. Nell'OCM una grande novità è stata introdotta con il Regolamento 1234/2007 che ha portato alla realizzazione di un'unica OCM, in sostituzione delle precedenti 21 OCM previste per diversi settori.

Le misure di mercato, come l’intervento pubblico e l’aiuto all’ammasso privato, attualmente presenti nella Pac, vengono in gran parte mantenute, ma riducendole a “reti di sicurezza”. Gli interventi di mercato sono limitati ai seguenti:

  • intervento pubblico nei settori frumento tenero, frumento duro, orzo, mais, riso, carne bovina, burro, latte scremato in polvere; è soppresso l’intervento per il sorgo;
  • ammasso privato nei settori zucchero, olio d’oliva, carne bovina, carne suina, carne ovina e caprina, burro, latte scremato in polvere, formaggi a pasta dura.

I prezzi di riferimento rimarranno invariati:

  • cereali: 101,31 €/t;
  • risone: 150 €/t;
  • zucchero bianco: 404,40 €/t;
  • zucchero grezzo: 335,20 €/t;
  • carcasse di bovini maschi della qualità R3: 2.224 €/t;
  • burro: 246,39 €/100kg;
  • latte scremato in polvere: 169,80 €/100kg;
  • carcasse di suino: 1.509,39 €/t.

Gli strumenti di regolazione dell’offerta, in particolare le quote (latte, zucchero, vigneti), sono progressivamente aboliti. In particolare, il regime delle quote latte è stato abolito a partire dal 1° aprile 2016, mentre i diritti di impianto dei vigneti dal 1° gennaio 2016 e sostituiti da un nuovo regime di autorizzazioni. Prevista, invece, dal 1° ottobre 2017 l'abolizione delle quote zucchero. Dopo la fine delle quote, lo zucchero bianco potrà beneficiare degli aiuti all’ammasso privato; per questo rimangono in vigore le disposizioni che disciplinano gli accordi fra gli zuccherifici e i coltivatori.

Il Reg. 1308/2013 estende a tutti i settori il modello dell’ortofrutta, prevedendo:

  • lo stimolo delle relazioni contrattuali;
  • la trasparenza e il funzionamento dei mercati;
  • il rafforzamento del ruolo delle OP, delle AOP e delle OI, tramite l’esenzione dalle norme antitrust;
  • il rafforzamento degli aiuti alle OP e alle AOP, il cui finanziamento è previsto nell’ambito della politica di sviluppo rurale.

Per quanto riguarda la qualità, l’Ocm unica stabilisce inoltre le norme di commercializzazione, compreso il concetto di “luogo di produzione”. Le nuove misure di mercato, non potendo assicurare la stabilizzazione dei prezzi con i vecchi strumenti della Pac, prevedono di raggiungere questo obiettivo tramite il rafforzamento del ruolo dei produttori: OP, AOP, OI, contratti. Le organizzazioni dei produttori e le organizzazioni interprofessionali possono essere riconosciute per tutti i settori, allo scopo di rafforzare il potere contrattuale degli agricoltori nella filiera agroalimentare. Sono previste nuove possibilità di costituzione di questi tipi di organizzazioni il cui finanziamento è previsto all’interno della politica di sviluppo rurale. Si prevede inoltre che gli agricoltori possano negoziare contratti collettivi per l’olio d’oliva e le carni bovine, i cereali e taluni altri seminativi. È prevista la programmazione produttiva per i prosciutti crudi a denominazione d’origine.

 

 


Notizie

25 aprile 2017

Ortofrutta, Italia prima per fondi Ue ma sulle OP è sorpasso Spagna

L’Italia è risultata complessivamente il primo paese beneficiario dei fondi Ue destinati al settore ortofrutticolo con 262,5 milioni di euro (22,4%) su un totale di 1.172,7. Nell’esercizio 2016, la spesa complessiva comunitaria per il finanziamento dei programmi operativi delle OP ortofrutticole è stata di 862,4 milioni di euro. L’Italia con 241,7 milioni (28,% della spesa […]

LEGGI TUTTO >>

23 aprile 2017

Futuro della Pac, ultimi giorni per la consultazione pubblica

Lo scorso 2 febbraio la Commissione europea ha avviato la Consultazione pubblica sul futuro della Politica agricola comuna (Pac). La chiusura della Consultazione è prevista per il 2 maggio 2017 e consentirà agli agricoltori, ai cittadini, alle organizzazioni e alle altre parti interessate di esprimersi sul futuro della politica agricola comune. Sulla base dei contributi […]

LEGGI TUTTO >>

31 marzo 2017

Approvato il nuovo regolamento Ue sull’ortofrutta

La Commissione Ue ha approvato il nuovo Regolamento Delegato sull’Ocm ortofrutta, ora il Consiglio ed il Parlamento Europeo avranno due mesi di tempo per ratificarlo, dopo di che entrerà in vigore. Tra le novità,  l’aggiornamento degli importi previsti per i ritiri di mercato operati dalle Organizzazioni di prodotto (Op), in caso di crisi di mercato. […]

LEGGI TUTTO >>

28 febbraio 2017

Ortofrutta, un settore strategico poco tutelato dall’Ue

Nell’Outlook 2016 della Commissione Ue sul settore agricolo, presentato in un recente incontro a Bruxelles, sono stati mostrati alcuni dati di particolare interesse per il settore ortofrutticolo. Se la superficie ad ortofrutta dell’Unione a 28 è pari al 3% della superficie coltivata, il valore della sua produzione è pari al 13% del totale agricolo ed […]

LEGGI TUTTO >>

18 febbraio 2017

Via ai corsi di aggiornamento sulla condizionalità e su altri impegni di base

Nell’ambito della Rete Rurale Nazionale, il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali ha avviato i corsi di aggiornamento per i tecnici di Coldiretti sulla condizionalità e su altri impegni di base per l’accesso agli aiuti (baseline). I corsi si svolgono in videoconferenza e hanno lo scopo di fornire chiarimenti ed aggiornamenti sugli impegni che […]

LEGGI TUTTO >>

3 febbraio 2017

DOVE STA ANDANDO LA PAC. MERCATO, SEMPLIFICAZIONE, SVILUPPO RURALE E BREXIT

La riforma della Politica Agricola Comune deve rispondere alle nuove sfide che deve affrontare l’Unione Europea con misure che sappiano valorizzare la distintività territoriale delle produzioni premiare, premiare l’’occupazione nelle campagne ed escludere insostenibili rendite.E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento alla Consultazione pubblica sul futuro della Politica agricola comune (Pac) lanciata dal Commissario Phil […]

LEGGI TUTTO >>

26 novembre 2016

Ortofrutta, al via i lavori per definire la nuova strategia nazionale

Il Ministero delle Politiche Agricole ha organizzato una riunione di aggiornamento sullo stato dei lavori Ue sull’Ocm ortofrutta. La Commissione europea, intanto, sta proseguendo nella sua attività di spacchettamento e aggiornamento del regolamento 543/2011 relativo all’icm ortofrutta. A livello nazionale il Mipaaf ha presentato la problematica relativa all’aggiornamento della strategia nazionale per il settore ortofrutticolo […]

LEGGI TUTTO >>

17 ottobre 2016

Latte e frutta nelle scuole, più spazio ai prodotti del territorio

Previsti cambiamenti per il programma “Latte e Frutta nelle scuole”. Il Ministero delle Politiche agricole ha evidenziato che, a differenza del passato, i prodotti non potranno più essere distribuiti durante i pasti o come ingredienti dei pasti, ma dovranno essere distribuiti, similarmente a quanto avviene per l’ortofrutta, come merenda (a metà mattina o metà pomeriggio, a […]

LEGGI TUTTO >>