L'Organizzazione Comune dei Mercati (OCM Unica) costituisce, insieme ai Pagamenti Diretti, il Primo Pilastro della PAC. Gli interventi di mercato sono racchiusi nel Reg. 1308/2013,  che ha sostituito il precedente Reg. 1234/2007. Il regolamento contiene tutte le norme riguardanti il mercato interno, l’intervento pubblico, l’ammasso privato, i regimi di aiuto relativi ad alcuni settori, le norme di commercializzazione, le organizzazioni dei produttori, gli scambi con i Paesi terzi. Nell'OCM una grande novità è stata introdotta con il Regolamento 1234/2007 che ha portato alla realizzazione di un'unica OCM, in sostituzione delle precedenti 21 OCM previste per diversi settori.

Le misure di mercato, come l’intervento pubblico e l’aiuto all’ammasso privato, attualmente presenti nella Pac, vengono in gran parte mantenute, ma riducendole a “reti di sicurezza”. Gli interventi di mercato sono limitati ai seguenti:

  • intervento pubblico nei settori frumento tenero, frumento duro, orzo, mais, riso, carne bovina, burro, latte scremato in polvere; è soppresso l’intervento per il sorgo;
  • ammasso privato nei settori zucchero, olio d’oliva, carne bovina, carne suina, carne ovina e caprina, burro, latte scremato in polvere, formaggi a pasta dura.

I prezzi di riferimento rimarranno invariati:

  • cereali: 101,31 €/t;
  • risone: 150 €/t;
  • zucchero bianco: 404,40 €/t;
  • zucchero grezzo: 335,20 €/t;
  • carcasse di bovini maschi della qualità R3: 2.224 €/t;
  • burro: 246,39 €/100kg;
  • latte scremato in polvere: 169,80 €/100kg;
  • carcasse di suino: 1.509,39 €/t.

Gli strumenti di regolazione dell’offerta, in particolare le quote (latte, zucchero, vigneti), sono progressivamente aboliti. In particolare, il regime delle quote latte è stato abolito a partire dal 1° aprile 2016, mentre i diritti di impianto dei vigneti dal 1° gennaio 2016 e sostituiti da un nuovo regime di autorizzazioni. Prevista, invece, dal 1° ottobre 2017 l'abolizione delle quote zucchero. Dopo la fine delle quote, lo zucchero bianco potrà beneficiare degli aiuti all’ammasso privato; per questo rimangono in vigore le disposizioni che disciplinano gli accordi fra gli zuccherifici e i coltivatori.

Il Reg. 1308/2013 estende a tutti i settori il modello dell’ortofrutta, prevedendo:

  • lo stimolo delle relazioni contrattuali;
  • la trasparenza e il funzionamento dei mercati;
  • il rafforzamento del ruolo delle OP, delle AOP e delle OI, tramite l’esenzione dalle norme antitrust;
  • il rafforzamento degli aiuti alle OP e alle AOP, il cui finanziamento è previsto nell’ambito della politica di sviluppo rurale.

Per quanto riguarda la qualità, l’Ocm unica stabilisce inoltre le norme di commercializzazione, compreso il concetto di “luogo di produzione”. Le nuove misure di mercato, non potendo assicurare la stabilizzazione dei prezzi con i vecchi strumenti della Pac, prevedono di raggiungere questo obiettivo tramite il rafforzamento del ruolo dei produttori: OP, AOP, OI, contratti. Le organizzazioni dei produttori e le organizzazioni interprofessionali possono essere riconosciute per tutti i settori, allo scopo di rafforzare il potere contrattuale degli agricoltori nella filiera agroalimentare. Sono previste nuove possibilità di costituzione di questi tipi di organizzazioni il cui finanziamento è previsto all’interno della politica di sviluppo rurale. Si prevede inoltre che gli agricoltori possano negoziare contratti collettivi per l’olio d’oliva e le carni bovine, i cereali e taluni altri seminativi. È prevista la programmazione produttiva per i prosciutti crudi a denominazione d’origine.

 

 


Notizie

14 febbraio 2018

Condizionalità, gli impegni per la protezione dei suini

Come per quanto previsto dal CGO 11 sulla protezione dei vitelli, anche le aziende con allevamenti suinicoli assoggettate alla condizionalità sono tenute al rispetto degli adempimenti contenuti all’interno del CGO 12. In assenza dei provvedimenti delle Regioni e Provincie autonome, le aziende devono rispettare gli adempimenti ed i divieti previsti dalla norma e di seguito […]

LEGGI TUTTO >>

8 febbraio 2018

Condizionalità, gli impegni per la protezione dei vitelli

La condizionalità prevede impegni volti a garantire il benessere degli animali. In particolare, tutte le aziende con allevamenti bovini e bufalini assoggettate alla condizionalità sono tenute al rispetto degli adempimenti contenuti all’interno del CGO 11. In assenza dei provvedimenti delle Regioni e Provincie autonome, le aziende devono rispettare gli adempimenti ed i divieti previsti dalla […]

LEGGI TUTTO >>

26 gennaio 2018

Condizionalità e Sicurezza alimentare

I beneficiari degli aiuti comunitari che realizzano prodotti animali, vegetali o derivati, quali latte, uova, mangimi o alimenti per animali devono rispettare gli adempimenti previsti nel CGO 4 della condizionalità sulla sicurezza alimentare. L’azienda deve rispettare gli impegni previsti dalla normativa sulla sicurezza alimentare relativamente ai seguenti settori di attività: 1. produzioni animali; 2. produzioni vegetali; 3. produzione […]

LEGGI TUTTO >>

17 gennaio 2018

Condizionalità, come prevenire e combattere le encefalopatie spongiformi trasmissibili

Tutte le aziende zootecniche assoggettate alla condizionalità con allevamenti di bovini, bufalini e ovi-caprini devono rispettare gli adempimenti contenuti nell’atto denominato CGO 9 che prevede la prevenzione, controllo ed eradicazione di alcune encefalopatie spongiformi trasmissibili. Tali tipologie di aziende devono rispettare i seguenti divieti e obblighi: divieto di somministrazione ai ruminanti di: – Farina di pesce […]

LEGGI TUTTO >>

28 dicembre 2017

Condizionalità, cosa fare nelle Zone Vulnerabili ai Nitrati

La Direttiva 91/676/CEE ha comportato l’obbligo da parte di tutte le Regioni di predisporre specifici piani di azione e di perimetrare le “zone vulnerabili ai nitrati” all’interno delle quali è stata inclusa la totalità dei comprensori nazionali a più alta vocazione zootecnica. In queste aree, la possibilità di utilizzare azoto organico sui terreni viene ridotta […]

LEGGI TUTTO >>

21 dicembre 2017

Dove sta andando la Pac. La parte agricola del Regolamento Omnibus

La parte agricola del Regolamento Omnibus, approvata nei giorni scorsi dal Parlamento Europeo e dal Consiglio, sarà pubblicata nei prossimi giorni sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea. Insieme alla Comunicazione della Commissione sul futuro della Pac rappresentano due passaggi importanti nella costruzione della Pac del prossimo futuro. L’Omnibus introdurrà importanti modifiche per le imprese agricole e, […]

LEGGI TUTTO >>

19 dicembre 2017

Condizionalità, il mantenimento degli elementi caratteristici del paesaggio

Al fine di assicurare un livello minimo di conservazione dei terreni ed evitare il deterioramento dei paesaggi, tutte le aziende che percepiscono aiuti devono rispettare, su qualsiasi superficie, gli adempimenti previsti dalla Norma BCAA (Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali) numero 7 prevista nell’ambito della condizionalità. Nello specifico, l’azienda agricola deve mantenere gli alberi monumentali identificati […]

LEGGI TUTTO >>

18 dicembre 2017

Ue, via libera definitivo alla revisione della Pac

Il via libera alla revisione della Pac (proposta del pacchetto legislativo Omnibus) che entrerà in vigore dal primo di gennaio 2018 è un risultato importante per le imprese agricole e per il Paese, frutto di un decisivo gioco di squadra. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nell’esprimere apprezzamento per il voto positivo […]

LEGGI TUTTO >>

15 dicembre 2017

Condizionalità, i divieti nelle produzioni animali

Nell’ambito della condizionalità le aziende devono rispettare gli adempimenti ed i divieti relativi all’utilizzo di talune sostanze nelle produzioni animali (ai sensi del Decreto legislativo n. 158 del 16.03.2006). Tali impegni sono contenuti nel Criterio di Gestione Obbligatorio (CGO) identificato con il numero 5. In particolare, gli allevamenti di bovini, bufalini, suini, ovi-caprini, equini, avicoli, […]

LEGGI TUTTO >>

9 dicembre 2017

Condizionalità, gli impegni per preservare il suolo dall’erosione

La Condizionalità, nell’ambito delle Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali con la norma indicata come BCAA5, prevede il rispetto di una serie di impegni al fine di favorire la protezione del suolo dall’erosione. Questi impegni si aggiungono a quanto stabilito dalla BCAA 4. In particolare, è necessario: per i terreni declivi coltivati a seminativo (tranne le […]

LEGGI TUTTO >>