PIEMONTE: si avvicina la scadenza del bando per il primo insediamento

26 giugno 2017

In Piemonte si avvicina la data di scadenza del bando di Primo Insediamento per i giovani agricoltori. Il bando è finalizzato a sostenere iniziative che prevedono, contemporaneamente, l’insediamento di giovani agricoltori e la realizzazione di interventi di miglioramento aziendale, attraverso la presentazione di una sola domanda integrata.

Per effetto della partecipazione al presente bando, quindi, i soggetti beneficiari hanno la possibilità di usufruire di un sostegno per l’avviamento di imprese agricole e, parallelamente, per la realizzazione di investimenti sia di natura fondiaria (acquisizione, costruzione, ristrutturazione, ampliamento e modernizzazione fabbricati e relativi impianti), che di dotazione (acquisto attrezzature e macchinari). Gli interventi devono essere riferiti alle attività di produzione agricola, alle attività connesse di lavorazione/trasformazione e vendita diretta (nel rispetto dei parametri fissati dal bando stesso).

Soggetti beneficiari sono i giovani agricoltori che al momento della presentazione della domanda di sostegno hanno:

  • un’età compresa tra i 18 anni (compiuti) ed i 41 anni (non compiuti);
  • costituito un’azienda agricola, ovvero hanno acquisito la partita IVA da non oltre 12 mesi (in caso di insediamento in forma societaria la stipula/modifica degli atti societari deve essere avvenuta non oltre 12 mesi prima dalla presentazione della domanda di contributo).

L’agevolazione prevista consiste in un contributo in c/capitale, così articolato:

  • relativamente al premio insediamento lo stesso potrà variare da un minimo di € 25 mila per giovane in presenza dell’insediamento congiunto di più di due giovani, a € 30 mila per giovane in caso di insediamento di due giovani e fino ad un massimo di € 35 mila in presenza dell’insediamento di un solo giovane. Sono, inoltre, previste delle maggiorazioni (da € 5 mila a € 10 mila), se l’insediamento avviene in zona montana;
  • per quanto concerne gli interventi di miglioramento il contributo è pari al 50% del costo dell’investimento ritenuto ammissibile, con un incremento dell’aliquota di sostegno del 10% per gli investimenti realizzati in zona montana (in presenza di interventi finalizzati alla trasformazione/commercializzazione, la percentuale di contributo è pari al 40%), entro i massimali previsti dallo stesso Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte.

La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 17 milioni.

Si precisa che sono da ritenersi esclusi i soggetti che nel corso dell’esercizio 2016 hanno presentato domanda di adesione ai bandi 2016 relativi all’operazione 6.1.1 (Insediamento) e/o all’operazione 4.1.2 (Miglioramento delle aziende agricole dei giovani), qualora anche una sola di tali domande è risultata ammissibile e finanziabile (salvo preventiva rinuncia).

Clicca qui per maggiori approfondimenti.

Data indicativa di scadenza: 6 luglio 2017

Consulta la sezione “Le opportunità del PSR” per maggiori approfondimenti.