La politica di sviluppo rurale rappresenta il  2° pilastro della PAC ed ha l'obiettivo di garantire lo sviluppo sostenibile delle zone rurali. In Italia essa risulta attuata tramite 21 programmi regionali, un Programma nazionale (PSRN) e un Programma Rete Rurale Nazionale 2014-2020.

Nell'Unione europea si contano, per il periodo di programmazione 2014-2020, 118 programmi di cui  23 italiani (sulla base dell’accordo sull'assegnazione dei fondi, siglato il 16 gennaio 2014 dalla Conferenza Stato-Regioni).

Il finanziamento dei costi finanziari richiesti dall'attuazione di tali programmi è ripartito tra Ue (mediante il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale – FEASR-)  e Stati membri (cofinanziamento), ma quest’ultimi sono pienamente responsabili della gestione dei propri programmi.

L‘Italia riceverà per il 2014-2020 un ammontare di risorse Feasr pari a 10.4 miliardi di euro a prezzi correnti, con un incremento del +1,4% rispetto ai 9.138,5 milioni di euro del 2007-2013 (8.986 milioni di euro a prezzi correnti). Queste risorse con l'aggiunta del cofinanziamento nazionale e regionale genereranno un importo di spesa complessivo di circa 21 miliardi di €.

La politica europea di sviluppo rurale mira ad assistere i territori rurali a superare le sfide cui sono confrontati e a realizzare il proprio potenziale attraverso l’osservanza di sei priorità:

1)  promuovere il trasferimento di conoscenze e l’innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali;

2) potenziare la redditività e la competitività dell’agricoltura attraverso tecnologie innovative e sostenibili, orientamento al mercato, diversificazione delle attività, ricambio generazionale;

3) promuovere le filiere alimentari, il benessere degli animali e la gestione dei rischi nel settore agricolo;

4) preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura, con particolare riguardo a biodiversità, paesaggio, gestione delle risorse idriche, prevenzione dell’erosione e migliore gestione dei suoli;

5) incentivare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al cambiamento climatico;

6) adoperarsi per l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali.


Notizie

16 novembre 2017

Omnibus: via libera al voto per l’applicazione a partire dal 2018

Sono state raccolte le nostre sollecitazioni sul testo relativo alla parte agricola della proposta Omnibus su cui si è raggiunto un accordo politico affinchè possa essere applicata nei tempi previsti e cioè a partire dal 1° gennaio 2018. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nell’esprimere apprezzamento per il via libera al voto […]

LEGGI TUTTO >>

16 novembre 2017

Anticipi PAC: Agea eroga 283 milioni a 60.000 beneficiari e apre gli applicativi per il 2018

L’Organismo Pagatore Agea prosegue con il pagamento degli anticipi delle domande uniche presentate dagli agricoltori nel 2017. Quest’ultima tranche di pagamenti, erogati con il decreto numero 5 emesso in data 15 novembre in corso di finanziamento, ha interessato circa 60.000 beneficiari per un importo di oltre 283 milioni di euro. Sommando l’ultimo decreto con i […]

LEGGI TUTTO >>

14 novembre 2017

Condizionalità: gli impegni da rispettare sui terreni vicini ai corsi d’acqua

Per proteggere le acque superficiali e sotterranee, nell’ambito della condizionalità è previsto il rispetto di alcuni impegni sui terreni adiacenti ai corsi d’acqua. Gli impegni che le aziende devono rispettare, che rientrano nella norma numero 1 delle Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali (definita BCAA 1), sono i seguenti: 1. Divieto di fertilizzazione. E’ vietato applicare fertilizzanti […]

LEGGI TUTTO >>

13 novembre 2017

Pac e redditi, le novità dell’Omnibus vanno applicate dal 1° gennaio 2018

E’ necessario che il testo relativo alla parte agricola della proposta Omnibus su cui si è raggiunto un accordo politico possa essere applicato nei tempi previsti e cioè a partire dal 1° gennaio 2018. E’ quanto scrive il Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo in una lettera inviata al Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani e […]

LEGGI TUTTO >>

6 novembre 2017

Condizionalità, cosa fare quando le acque per l’irrigazione sono soggette ad autorizzazione

Al fine di assicurare un minimo livello di protezione delle acque, nell’ambito della condizionalità è previsto il rispetto delle procedure di autorizzazione (concessione, licenza di attingimento, ecc.) quando l’utilizzo delle acque a fini di irrigazione è soggetto ad autorizzazione a titolo gratuito od oneroso, ai sensi della normativa vigente. La norma che prevede tale obbligo […]

LEGGI TUTTO >>

30 ottobre 2017

Condizionalità, ecco gli impegni per l’uso dei prodotti fitosanitari

La condizionalità prevede impegni specifici per le aziende che utilizzano prodotti fitosanitari. Tali prescrizioni rientrano all’interno dell’Atto denominato CGO 10 ed interessano tutte le aziende agricole che acquistano e/o utilizzano prodotti fitosanitari. L’azienda che utilizza prodotti fitosanitari deve rispettare i seguenti impegni: 1. rispetto delle prescrizioni di utilizzo previste nell’etichetta del prodotto impiegato; 2. presenza in azienda […]

LEGGI TUTTO >>

23 ottobre 2017

Condizionalità della Pac, cos’è e quando si applica

Il termine condizionalità sta ad indicare la condizione minima da rispettare per il percepimento degli aiuti previsti dalla Politica Agricola Comune (Pac) e deriva dal fatto che condiziona l’importo degli aiuti comunitari liquidabili. La disciplina relativa alla condizionalità si compone di due tipologie di impegni: i Criteri di Gestioni Obbligatori derivanti dall’applicazione di regolamenti e […]

LEGGI TUTTO >>

16 ottobre 2017

Bandi Psr giovani, presentate oltre 22 mila domande

Con l’apertura in molte regioni del secondo o terzo Bando giovani nell’ambito del Psr 2014-2020, le domande presentate superano ormai le 22 mila unità. L’analisi viene dalla Coldiretti e conferma l’importante ruolo dei Programmi di sviluppo rurale per avvicinare i giovani al settore primario. Il dato considera anche il potenziale che scaturisce dalla regioni in […]

LEGGI TUTTO >>

15 ottobre 2017

Ok alla Riforma della Pac, passo avanti per la semplificazione

Si tratta di primo passo importante nella direzione della semplificazione e del miglioramento delle regole della Politica agricola comune ma molto resta da fare per una riforma che sappia premiare il lavoro e combattere le rendite.  E’ quanto ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo all’indomani dell’accordo raggiunto tra le Istituzioni comunitarie sulla riforma […]

LEGGI TUTTO >>

15 settembre 2017

Spesa Psr: raggiunto il 10.04% delle risorse. Con l’App TerraInnova tutti gli aggiornamenti.

I recenti dati sullo stato di avanzamento della spesa pubblica dei Psr 2014-2020 mostrano che, da inizio programmazione ad oggi, sono stati spesi complessivamente 2.095 milioni di euro di cui 1.043 milioni di euro di quota Feasr (aggiornamento al 30 giungo 2017). In termini percentuali, la spesa totale è pari all’ 10,04%. Considerando anche la […]

LEGGI TUTTO >>