LIGURIA e PUGLIA – Si avvicina la scadenza del Primo Insediamento

17 luglio 2017

In Liguria e Puglia si avvicina la scadenza del bando Primo Insediamento dello Sviluppo rurale. Di seguito i dettagli dei bandi previsti nelle due regioni.

 

LIGURIA

Il prossimo 31 luglio è prevista la chiusura del bando di Primo Insediamento per i giovani liguri. Si tratta di un bando a graduatoria che prevede l’applicazione del pacchetto giovani, cioè l’applicazione integrata con la Misura 4.1. relativa agli investimenti.

I beneficiari del bando sono i giovani agricoltori, di età non superiore a 40 anni al momento della presentazione della domanda (ossia il giovane non deve aver compiuto 41 anni)che si insediano per la prima volta in qualità di titolare o contitolare in una azienda agricola. La domanda di sostegno deve essere presentata entro sei mesi dalla data di apertura della Partita IVA.

Il sostegno prevede un premio base di 18.000,00 euro, con maggiorazioni che vanno da 4.000 a 8.000 euro in base allo svantaggio socio-economico. Ulteriori 8.000 euro se è previsto il recupero di almeno il 50% di terreni abbandonati.

La Misura, inoltre, prevede la presentazione di un Piano aziendale di Sviluppo in cui esplicitare la connessione con la Misura 4.1. Le risorse disponibili con il presente bando ammontano a 1 milione di euro.

Clicca qui per ulteriori approfondimenti.

 

PUGLIA

Per i giovani pugliesi (18-40 anni non compiuti) che vogliono insediarsi in agricoltura, il prossimo 27 luglio è prevista la chiusura del Bando di Primo insediamento.

La domanda di insediamento comprende un piano aziendale o sulla Sottomisura 4.1.B. (investimenti) e/o la Misura 6.4 (diversificazione aziendale) ad almeno altre 2 Sottomisure tra 1.1 (Formazione), 2.1 (Consulenza), 3.1 (Regimi di qualità alimentare).

I Beneficiari del premio, oltre al parametro dell’età, dovranno avere (o acquisire), tra gli altri, una competenza professionale, una dimensione aziendale minima che sviluppa una Produzione Standard Totale di almeno 18.000 euro e massima di 300.000 euro. Il sostegno pubblico previsto è pari, per il giovane che si insedia in azienda pre-esistente,  a 40.000 euro in zone ordinarie, 45.000 euro nelle zone svantaggiate ed aree C e D previste dal P.S.R.;  per il giovane che si insedia in azienda di nuova costituzione,  il sostegno pubblico è pari a 50.000 euro in zone ordinarie, 55.000 euro in zone svantaggiate ed aree C e D previste dal P.S.R.

L’investimento aziendale minimo previsto (sia per la Sottomisura 4.1.B, che 6.4) è pari a 30.000 euro, mentre l’investimento massimo è pari a 1.000.000 euro per la Sottomisura 4.1.B, 200.000 euro per la Sottomisura 6.4. Il contributo pubblico per gli interventi ammissibili della Sottomisura 4.1.B è pari al 70% con aziende ricadenti in zone svantaggiate, 60% in zone ordinarie; per la Sottomisura 6.4 il contribito pubblico è pari al 50%.

Clicca qui per ulteriori approfondimenti.

 

Gli Uffici Coldiretti sono a disposizione per ulteriori approfondimenti. Consulta anche la sezione Bandi giovani.