Misura : 13.1 PSR- Pagamenti compensativi nelle aree montane
Indennità compensativa

Regione Piemonte

Data di apertura 13-04-2017

Data indicativa di scadenza 15-06-2017 ore 01:59

Prossima presumibile apertura Esercizio 2018



L’intervento si propone di incentivare l’uso continuativo delle superfici agricole, la cura della spazio naturale, il mantenimento e la promozione di sistemi di produzione sostenibili e, di conseguenza, di contrastare l’abbandono del territorio montano.

L’indennità, ovvero il premio per ettaro di superficie agricola aziendale ricadente in zona montana, è erogato su base annuale ed è finalizzato a compensare, in tutto o in parte, i costi aggiuntivi ed il mancato guadagno dovuti ai vincoli cui è soggetta la produzione agricola in tali zone.

Soggetti beneficiari sono gli imprenditori agricoli che, alla data di presentazione della domanda di sostegno, rispettano le seguenti condizioni:

– sono agricoltore in attività ai sensi dell’art. 9 del Reg. UE n. 1307/2013 e della normativa correlata;

– operano in zona montana (non è richiesta, in tal senso, la residenza in zona montana, né che il centro aziendale sia ubicato in tale area) nell’anno di presentazione della domanda;

– conducono (in quanto in proprietà o per effetto di contratti di affitto o comodato) superfici agricole ricadenti in zone del Piemonte classificate montane;

– raggiungono un importo del premio annuo erogabile non inferiore a € 200,00.

Relativamente agli impegni che il soggetto beneficiario si impegna a rispettare, si evidenzia la necessità di garantire la presenza di titoli di conduzione delle particelle catastali indicate in domanda validi per l’intero periodo di impegno.

In particolare tale impegno è da intendersi rispettato, nel caso in cui il titolo di conduzione risulti valido: dal 01 gennaio al 31 dicembre dell’anno di presentazione della domanda (anno solare) o, in alternativa, dal 11 novembre dell’anno precedente al 10 novembre dell’anno di presentazione della domanda (annata agraria).

Per le superfici condotte a pascolo, invece, la presenza del titolo di conduzione valido deve essere garantita almeno per il periodo compreso tra la data di presentazione della domanda di sostegno ed il termine dell’attività di effettivo pascolamento.

La dotazione finanziaria del bando 2017 è pari a € 12 milioni (nel caso in cui l’ammontare dei premi annui complessivamente richiesti dovesse risultare superiore alle risorse finanziarie stanziate, prevista la possibilità di adottare una riduzione percentuale proporzionale del premio, sulla base dell’eccedenza delle richieste rispetto alle risorse stanziate).



Per informazioni recati all’Ufficio zona Coldiretti.