Pac, pubblicato il decreto di modifica del sostegno accoppiato

24 maggio 2017

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che modifica il sostegno accoppiato a partire dalla domanda 2017. Le modifiche riguardano la soia il cartamo e l’olio d’oliva. Vediamo, nel dettaglio, in che modo.

  • Soia: la percentuale di pagamento oltre i primi 5 ettari è calcolata in proporzione al valore dell’importo unitario e non alla superficie. Tale modifica non comporta cambiamenti per l’agricoltore;
  • Cartamo: eliminazione di tale coltura tra le proteoleaginose ammissibili al sostegno per le aziende del centro Italia (Toscana, Umbria, Marche e Lazio);
  • Olio d’oliva: è necessario essere in regola con i registri di carico e scarico dell’olio per l’ottenimento del premio.

Il Ministero delle Politiche Agricole, attraverso una circolare, ha definito le modalità di attuazione della norma sull’utilizzo dei registri di carico e scarico dell’olio. La circolare precisa che qualora l’agricoltore non sia obbligato alla tenuta del registro, la cessione di olive per la produzione di olio è dimostrata dalla registrazione nel carico del registro telematico tenuto dal frantoio o dal commerciante di olive.

Il requisito della registrazione deve essere soddisfatto nell’anno solare di presentazione della Domanda Unica (1 gennaio – 31 dicembre). La modifica proposta per il settore dell’olio di oliva ha l’obiettivo di legare il premio accoppiato alla dimostrazione dell’effettiva produzione, pur rimanendo un sostegno ad ettaro e senza la definizione di quantitativi minimi di produzione richiesta. Gli Uffici Coldiretti sono a disposizione per ulteriori chiarimenti.