Raggiunta l’intesa sulle modifiche al sostegno accoppiato

10 marzo 2017

Nel corso della Conferenza Stato Regioni del 9 marzo, è stata raggiunta l’intesa sulle modifiche da apportare al sostegno accoppiato a seguito delle osservazioni della Commissione Europea.

Le modifiche riguardano:

  • Soia: la percentuale di pagamento oltre i primi 5 ettari è calcolata in proporzione al valore dell’importo unitario e non alla superficie. Tale modifica non comporta cambiamenti per l’agricoltore;
  • Cartamo: eliminazione di tale coltura tra le proteoleaginose ammissibili al sostegno per le aziende del centro Italia (Toscana, Umbria, Marche e Lazio);
  • Olio d’oliva: è necessario essere in regola con i registri di carico e scarico dell’olio per l’ottenimento del premio.

Nei prossimi giorni il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, attraverso una circolare, dovrà definire le modalità di attuazione della norma sull’utilizzo dei registri di carico e scarico dell’olio. La modifica proposta ha l’obiettivo di legare il premio accoppiato all’effettiva produzione.